Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdf

Un iceberg di 300 metri quadrati, pari alle dimensioni dell’isola di Malta, si è staccato dal ghiacciaio di Pine Island, in Antartide.

L’evento non è stato inaspettato per gli esperti che avevano già individuato alcune enormi fratture nel ghiacciaio.

Il processo che ha portato al distacco è stato monitorato grazie alle 57 immagini pervenute dai satelliti.

Paura per l’Iceberg vagante

Ciò che spaventa è la velocità con cui il clima sta trasformando il paesaggio dell’Antartide, dove da qualche giorno è stata raggiunta la temperatura record di 20° centigradi, una condizione termica inimmaginabile per quest’area geografica nemmeno in estate.

Quello di Pine Island è uno dei ghiacciai più pericolosi dell’Antartide, se dovesse crollare il livello del mare subirebbe un innalzamento di 1.20 metri.

Non si tratta di un rischio lontano, ma più imminente di quello che immagini.

Dal 2012, questa montagna glaciale ha riversato nell’oceano 58 miliardi di tonnellate di ghiaccio all’anno.

Molti sono i paesi ed i siti che rischiano di sparire, si tratta di chilometri di coste e paesaggi abitati.

Sono centinaia inoltre le specie vegetali ed animali a rischio estinzione a causa dell’emergenza climatica e dell’innalzamento delle temperature.

orso polare

Quanto tempo abbiamo per salvare il nostro pianeta?

 

È fissato al 2050 l’anno X in cui non sarà più possibile tornare indietro.

Tutto questo può cambiare, ma abbiamo pochissimo tempo.

Ogni azione deve essere studiata in funzione della sostenibilità ambientale.

Anche tu puoi dare il tuo contributo.

Resta aggiornato, iscriviti alla nostra Newsletter