Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdf

L’installazione di un fotovoltaico parte prima di tutto dalla scelta del giusto impianto e dalla dimensione studiata in base ai propri consumi.

La dimensione dell’impianto è fondamentale per massimizzare l’autoconsumo e dunque ridurre la propria bolletta elettrica.

QUANTO DEVE ESSERE GRANDE L’IMPIANTO?

Molto spesso si pensa che se una persona dispone di un contatore da 3 kw dovrà installare di conseguenza un impianto da 3 kw. Non è così. Infatti la grandezza dell’impianto deve essere commisurata ai propri consumi. E’ buona norma infatti installare un impianto che produca l’energia necessaria per il fabbisogno della casa e non energia in eccedenza. Questo perché l’eccedenza che viene immessa in rete attraverso il meccanismo dello scambio sul posto viene retribuita sì, ma è soggetta a tassazione. Al contrario l’energia che viene auto-consumata permette di ridurre il costo della bolletta luce.

CHI SCEGLIE LA GRANDEZZA DELL’IMPIANTO?

Abbiamo appurato che le dimensioni dell’impianto sono un aspetto da non sottovalutare prima di procedere all’acquisto. Ma chi sceglie quanto deve essere grande l’impianto?

A fare questo tipo di valutazione deve essere un progettista (un architetto o un ingegnere specializzato) che studia l’impianto su misura in base alle esigenze del cliente e della sua famiglia.

Progettista impianto fotovoltaico

Un buon progettista terrà sicuramente conto di questi aspetti:

  1. Zona d’Italia in cui viene installato l’impianto: che sia installato al nord o al sud la cosa cambia. Per esempio chi abita in Sicilia ovvero in una zona dove c’è più sole, a parità di consumi con un residente al nord, dovrebbe installare un impianto più piccolo rispetto a quello che dovrebbe essere realizzato al nord
  2. Inclinazione: il progettista dovrà tenere conto dello spazio che ha a disposizione sul tetto e dell’inclinazione. Se il tetto permette di installare i moduli a meno di 30° avrà sicuramente una produzione più ampia. Viceversa i moduli installati ad una inclinazione che va oltre i 30° avranno una produzione molto più bassa.
  3. Consumi: più i consumi sono alti e più è conveniente installare un impianto fotovoltaico. Per questo se non si è ancora installata una Pompa di Calore o un impianto di condizionamento è importante valutare la possibilità di fare questo tipo di installazione assieme al fotovoltaico oppure predisporre l’impianto per il futuro.

Pur avendo un impianto ben dimensionato ai tuoi bisogni è buona norma cambiare anche le proprie abitudini nell’utilizzo dei propri elettrodomestici ovvero concentrare l’uso nelle ore diurne. Se lavori fuori casa puoi comunque programmare l’accensione degli elettrodomestici attraverso i dispositivi stessi (se sono di ultima generazione) oppure installando dei sistemi di domotica capaci di attivare i carichi in base alla produzione dell’impianto.

Per scoprire la dimensione dell’impianto su misura per te compila il modulo sottostante: