Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdf

La mobilità elettrica è il fulcro della strategia messa in atto dall’Unione Europea per il raggiungimento degli obiettivi climatici.

Sono molteplici, infatti, i cambiamenti promossi per incentivare la loro diffusione:

  • Nel 2021 le case automobilistiche proporranno decine di nuovi modelli, tra cui i primi a basso costo;
  • La rete di ricarica ha raggiunto i 13 mila punti e verrà ampliata ulteriormente;
  • Gli incentivi statali per l’acquisto di mezzi elettrici saranno confermati il prossimo anno.

Nonostante questo, importanti limiti alla diffusione delle auto elettriche sono imposti dai costi delle ricariche pubbliche.
Sì, ricaricare l’auto in stazioni pubbliche anziché presso la propria abitazione implica un costo doppio, circa 0.40€/kWh.

Prezzo che aumenta per le ricariche effettuate alle colonnine veloci; in questo caso la spesa cresce fino a 0.75 €/kWh.

Tutto questo riduce drasticamente, fino ad annullare il vantaggio a favore delle auto a benzina.

Perché è così caro ricaricare l’auto elettrica alle colonnine pubbliche?

La tariffa pubblica comprende:

  • oneri di sistema,
  • aggravi parafiscali,
  • tasse.

Tuttavia, i costi italiani sono allineati a quelli dell’Europa. L’unica differenza è riscontrabile nella possibilità di acquistare abbonamenti di ricarica flat a tariffa stabilita.

Dove è possibile ricaricare gratis l’auto elettrica?

Alcuni grandi centri commerciali fanno accedere gratuitamente i propri clienti alla ricarica oppure offrono tariffe scontate. Sono circa 200, attualmente, i punti di questo genere.

Certo, è impensabile andare a fare la spesa ogni volta che è necessario ricaricare l’auto.

Ma la soluzione esiste già: con il Superbonus 110% chiunque potrà installare una stazione di ricarica nei paraggi della propria abitazione, magari abbinandola ad un impianto fotovoltaico, in modo da non dover spendere neppure un centesimo.

Oggi gli italiani hanno la possibilità di farlo a costo zero.

Ma vuoi conoscere la parte migliore?
Sarà possibile accedere al Bonus per installare la colonnina di ricarica anche nei condomini.

Le difficoltà ci sono sempre state, ma siamo ad un passo da una svolta epocale verso la transizione energetica.
Abbiamo le armi per aggirare gli ostacoli e scegliere uno stile di vita sostenibile.
Adotta le energie rinnovabili.
Noi possiamo aiutarti: seguici e iscriviti alla nostra newsletter.