Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdf

In questi giorni il mondo è alle prese con la peggiore invasione di cavallette dell’ultimo secolo.

Le voraci locuste hanno devastato i raccolti di Somalia, Kenya, Etiopia e Sudan e, a sciami, adesso si stanno dirigendo verso la Cina, passando per lo Yemen, l’Arabia Saudita e il Pakistan.

Sono inquietanti le immagini che ci arrivano da questi luoghi, dove si possono osservare cieli oscurati dalla loro invasione.

Le conseguenze sono devastanti!

Nelle ultime settimane sono stati distrutti 3.800.000.000 metri quadrati di terreni agricoli in India.

In Africa orientale la situazione è ancora più grave dato che sono 20 milioni le persone che affrontano normalmente la mancanza di risorse alimentari. Adesso che le cavallette sono capaci di consumare cibo pari a quello consumato da 90 milioni di persone in un solo giorno, sono a rischio altre 10 milioni di persone tra cui 4 milioni di bambini.

adesso che le cavallette sono capaci di consumare cibo pari a quello consumato da 90 milioni di persone in un solo giorno, sono a rischio altre 10 milioni di persone tra cui 4 milioni di bambini.

Le conseguenze sono economiche e sociali.

Tutto questo è ancora una volta causa dei comportamenti irrispettosi da parte dell’uomo nei confronti dell’ambiente.

L’invasione delle locuste è l’effetto della crisi climatica

La proliferazione delle cavallette infatti è legata alla crisi climatica.
La siccità straordinaria che si è verificata tra marzo e maggio dello scorso anno, seguita da piogge intense e inondazioni, ha creato le condizioni ottimali per il loro proliferare e l’habitat ideale per la loro diffusione.

Invasione locuste
Invasione delle locuste dall’ Africa ed all’ Asia.

La lotta biologica della Cina

Mentre molte nazioni si preparano a combatterle con pesticidi e sostanze chimiche, dalla Cina, la principale fautrice delle emissioni di CO2, viene una risposta rispettosa dell’ambiente: un esercito di 100.000 anatre.

Sì, le anatre saranno l’arma biologica usata per combattere tale invasione.

Questi uccelli sono capaci infatti di mangiare fino a 200 locuste al giorno, dimostrandosi di fatto più efficaci di qualsiasi pesticida.

Questo esercito verrà inviato nei prossimi mesi nelle aree maggiormente colpite in Pakistan prima che le locuste raggiungano la provincia cinese di Xinjiang.

La crisi climatica e sociale che stiamo vivendo sta mettendo a rischio tutta la vita sul Pianeta Terra, ma non c’è ancora la percezione chiara, non c’è la stessa risonanza e rumore che hanno scosso altre problematiche meno importanti.

Noi siamo qui per dare eco e visibilità a questi fatti e, se ce ne darai la possibilità, ti terremo aggiornato.

Continua a seguirci ed inscriviti alla nostra Newsletter.