Tempo di lettura: 3 minuti
image_pdf

In occasione della settimana contro il cambiamento climatico la redazione di EPG vuole fare un po’ di chiarezza su alcuni interrogativi:

  • Oggi è possibile viaggiare in modo ecologico? Se sì, come?
  • Qual è il mezzo di trasporto meno inquinante?
  • Siamo sicuri che l’auto sia la scelta peggiore?

Le manifestazioni che hanno riempito le pagine di giornale negli ultimi giorni non lasciano adito a dubbi, le generazioni future ci chiedono una riduzione delle emissioni di gas serra!
Per raggiungere questi obiettivi ambiziosi dovranno necessariamente variare molte abitudini della nostra vita, ad iniziare dal nostro modo di viaggiare.

Lo sapevi che i mezzi di trasporto sono da soli responsabili di un quarto delle emissioni di CO2 e la prima causa di inquinamento nelle città?!
Grazie a quello che stai per leggere riuscirai a prendere una scelta consapevole per la salvaguardia del pianeta.

QUALI SONO I MEZZI DI TRASPORTO PIÙ INQUINANTI?

In Europa, quali inquinano di più? Secondo quanto riportato dall’European Environment Agency:

Al primo posto troviamo l’aereo. Qui occorre una precisazione. Gli effetti degli ossidi di azoto hanno conseguenze molto più pesanti se emessi ad alta quota rispetto a quanto avvenga in superficie; inoltre i momenti in cui viene consumato maggior carburante sono il decollo e l’atterraggio, ragion per cui più è elevata la durata del volo minore sarà l’inquinamento da questo prodotto.
Tenendo conto di ciò l’aeroplano produce 254 grammi di CO2 a passeggero per ogni chilometro di viaggio (in tratti lunghi).

airplane-smog

Al secondo posto si attesta l’auto, le quali se trasportano un solo passeggero produce in media 171 grammi di CO2 per chilometro.

Terzo posto per gli autobus urbani, con 104 grammi di gas serra.

Vengono poi treni regionali ed interregionali, con 41 grammi, treni veloci e Eurostar con 6 grammi per passeggero.

QUANTO SI INQUINA IN UN VIAGGIO ROMA-BARI?

Secondo quanto riportato dal sito ecopassenger.org, realizzato dalla International Railways Union in collaborazione con l’European Environment Agency ecco le emissioni rilevate:

  • 21 kg di CO2 se andiamo in treno,
  • 51 kg se ci spostiamo in auto,
  • 140 kg se andiamo in aereo.

QUINDI È POSSOBILE VIAGGIARE GREEN?

La risposta è chiaramente, dipende.

Chiaramente in primo luogo dipende dalla nostra destinazione e in secondo luogo dal numero di persone che ci accompagnano nei nostri spostamenti.

Se il treno o l’autobus sono un’opzione possibile, sono senza dubbio dei mezzi di trasporto con il minor impatto sull’ambiente.

Può sembrarti strano, ma anche l’auto può rivelarsi una soluzione eco-frendly, se sei accompagnato da almeno altre 3 persone. Un’auto diesel con 4 persone a bordo produce in media 43 grammi di CO2 per passeggero, 2 grammi in più rispetto a spostamenti ferroviari ad alta velocità. Questa quota si abbatte notevolmente se si ha la possibilità di avere un’auto ibrida o, ancora meglio, elettrica.

train-green

Per quanto riguarda i viaggi lunghi, i treni ad alta velocità risultano essere il mezzo di trasporto meno inquinante in assoluto.

Spesso però non è possibile usare il treno, sia per problemi di tempo che per limiti della rete ferroviaria. In questo caso l’aereo è d’obbligo, in questi casi alcune accortezze consentono di ridurre le emissioni.

Scegliendo voli diretti, eliminando le tappe intermedie il viaggio sarà più veloce e meno inquinante. Inoltre viaggiare in classe economica è l’opzione migliore per l’ambiente in quanto con una densità maggiore di posti la quantità di gas serra per passeggero risulta minore, rispetto ad esempio alla business class.

Adesso hai un resoconto di come poterti spostare riducendo al minimo le emissioni di gas serra. Non hai più scuse!

Come ripetiamo spesso, la lenta diffusione delle fonti di energia pulita ci impone di sfruttare in modo più efficiente l’energia che abbiamo a disposizione.

A tal proposito a questo link>> troverai un’altra serie di comportamenti che puoi adottare per ridurre le tue emissioni e le tue spese. Buona lettura.