Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdf

Usare i mezzi pubblici senza pagare nulla, senza alcun limite di tempo e di età.

Il Granducato del Lussemburgo, ultimo Stato mondiale a fregiarsi di questo titolo, è tra i più piccoli Paesi d’Europa. Ha una popolazione di circa 600.000 abitanti e una superficie equiparabile alla provincia di Piacenza.

PICCOLO STATO, GRANDI IDEE

Membro fondatore dell’Unione Europea, della NATO, del Benelux e delle Nazioni Unite. La sua capitale, l’omonima città di Lussemburgo, è sede di numerose istituzioni e agenzie europee oltre ad essere uno snodo finanziario di primaria importanza.

Questo porta la piccola nazione ad essere tra i paesi più trafficati d’Europa. Lo scorso marzo la soglia di emissione di CO2 fu  abbondantemente superata, tanto che il Ministro dell’Ambiente avvertiva i cittadini con problemi di saluti a non uscire di casa.

Migliaia di pendolari ogni giorno arrivano a Lussemburgo per lavoro dai Paesi limitrofi (Francia, Olanda, Germania): a fronte di una popolazione della cittadina di circa 100mila abitanti, 400mila vi giungono per lavoro, più altre 200mila che lo attraversano quotidianamente. In media ogni lussemburghese trascorre 33 ore all’anno in mezzo al traffico.Bandiera Lussemburgo trasporti gratis

MEZZI PUBBLICI: ADDIO BIGLIETTI!

Questo è sicuramente uno dei principali motivi per cui il Primo ministro Xavier Bettel, al suo secondo mandato in una coalizione della quale fanno parte anche i Verdi, ha proposto di rendere gratuiti tutti i mezzi di trasporto del Paese.

La volontà concreta di Bettel è che dall’estate del 2019 tutti i mezzi di trasporto pubblici siano gratuiti, anche per i turisti. Il Governo già dalla scorsa estate ha introdotto l’utilizzo gratuito dei servizi pubblici per i ragazzi sotto i 20 anni. Tutta la popolazione scolastica avrebbe così utilizzato navette gratuite tra casa e scuola.

L’abolizione dei biglietti porterà inoltre ulteriore risparmio sulla raccolta delle tariffe e sulla sorveglianza degli acquisti dei ticket per il trasporto.

Tutto questo porterà indubbi vantaggi sulla qualità della vita del Granducato, oltre a un importantissimo miglioramento dei livelli di inquinamento ambientale.