Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdf

La nostra fame di energia non accenna a ridursi.

L’Aie (Agenzia internazionale dell’Energia), afferma che la domanda globale di energia è aumentata del 2.3% nel 2018.

Cosa significa questo? Che i nostri consumi di elettricità, gas e metano sono costantemente in crescita.

Il 70% di questa è soddisfatto da combustibili fossili, mentre le fonti rinnovabili (seppur in crescita) non riescono a far fronte alla maggiore necessità di energia.

Qual è la conseguenza?
Purtroppo è l’incremento dell’uso di carbone e quindi delle emissioni di CO2 (+1.7%).

La Terra ci chiede aiuto, non sarà in grado di sopportare ancora per molto il nostro appetito di energia.

QUANTA ENERGIA SPRECHIAMO OGNI GIORNO?

Il problema è causato dalle abitudini di ognuno di noi! Sì, anche tu ne sei l’artefice.

Non ci credi? Allora continua a leggere e dicci se ti ricorda qualcosa ciò che stiamo per dirti.

Il rapporto annuale elaborato da Censis, dichiara che lo spreco di energia, nel solo settore residenziale, ammonta a oltre 8 miliardi di euro.

QUALI SONO LE CAUSE DELLO SPRECO?

La causa principale degli sprechi di energia, nel nostro paese, è data dal fatto che oltre il 49% degli edifici (residenziali e commerciali) hanno più di 70 anni.

Questo comporta che l’energia, necessaria per riscaldare d’inverno e raffreddare in estate, in buona parte viene dispersa dalle strutture delle nostre abitazioni (tetto, pareti e finestre) non adeguatamente coibentate.

Ma non solo, anche le apparecchiature elettroniche che utilizziamo tutti i giorni incidono in maniera consistente.

Primi su tutti i nostri amati smartphone.

Secondo quanto riportato da Terna, l’energia elettrica necessaria a ricaricare tutti i cellulari nazionali è di circa 240 Mega Watt (in sostanza una centrale elettrica).

Rimanendo in tema anche la modalità stand-by dei nostri apparecchi elettrici (pc, decoder, tv ecc.) producono uno spreco di energia non trascurabile.

Secondo un’indagine svolta da Sintef, il consumo derivante dallo stand-by è pari a 244 kWh all’anno, ossia uguale al 9.1% dei consumi elettrici residenziali europei.

co2-generata-dagli-sprechi

Ultimi, ma non per importanza o incidenza troviamo i consumi energetici derivanti dagli elettrodomestici.

Ad esempio, utilizzare un frigorifero a bassa efficienza, invece di un modello di ultima generazione, può portare a consumare fino a 593kWh annui in più.

Considerazioni molto simili possono essere fatte per moltissimi altri elettrodomestici di uso quotidiano (lavatrice, lavastoviglie, ferro da stiro e asciugatrice).

COSA PUO’ FARE OGNUNO DI NOI?

La buona notizia è che attraverso poche e piccole accortezze ognuno può essere più sobrio ed efficiente nell’uso dell’energia.

Vediamone qualcuna insieme!

tabella-co2-kwh-bolletta

Numeri impressionati vero?!

Gli sprechi di energia messi in atto da ognuno noi, annualmente, producono oltre 700 kg di CO2.

Una cifra inaccettabile, che nessuno di noi dovrebbe ignorare!

Facciamo appello alla nostra coscienza e mettiamo in pratica questi piccoli comportamenti per salvaguardare il futuro della Terra e dei nostri figli.

Vuoi saperne di più? Compila il form o iscriviti alla newsletter di EPG