Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdf

Il primo ministro Jacinda Arden ha sottolineato la necessità di agire in modo rapido ed efficace contro la crisi climatica e lo ha fatto proclamando lo stato di emergenza, nonostante i voti contrari dell’opposizione conservatrice.

Poco prima della votazione la premier ha esortato i deputati a “stare dalla parte giusta della storia”, sottolineando le gravi situazioni di crisi che il Governo neozelandese deve costantemente fronteggiare sulle proprie coste.

La tutela del clima neozelandese ha vinto; 73 i voti favorevoli e 43 i contrari.

Le iniziative della Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda si è impegnata a raggiungere:

  • la decarbonizzazione entro il 2050,
  • la produzione di energia derivata al 100% da fonti rinnovabili, entro il 2035.

La nazione insulare ha proposto, inoltre, di archiviare le angosce e le brutture di quest’orribile 2020, attraverso la piantagione di un albero. L’iniziativa è estesa ai cittadini di tutto il mondo, sottolineando la possibilità di andare a visitarlo quando la pandemia sarà eliminata.

Tutto bello, vero? Ma non è tutto oro quello che luccica…

emergenza-climatica

La critica da parte delle associazioni ambientaliste

L’associazione Climate Action Tracker, però, punta il dito contro il Governo neozelandese: afferma che ad oggi ha adottato politiche insufficienti per raggiungere gli obiettivi fissati dagli Accordi di Parigi.

Anche Greenpeace non si risparmia e sottolinea che nel piano sulla carbon neutrality è stato escluso il metano, nonostante esso sia tra i più dannosi per il clima.

Ad oggi, sono 10 i Paesi che hanno dichiarato lo stato di emergenza climatica, l’Italia lo ha fatto a dicembre 2019, ma siamo ancora troppo lenti: c’è tanto ancora da fare.

Si tratta però, di un modo per ricordare quanto la crisi legata al riscaldamento globale sia grave e pertanto può essere considerato un piccolo passo avanti.

Insieme possiamo superare la crisi climatica, ma ognuno deve dare il suo contributo, anche tu!
Noi possiamo aiutarti.
Continua a seguirci ed iscriviti alla nostra newsletter.