Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdf

Siamo ad un passo da una importante svolta economica ed ecologica per il Sud Italia.

Lo sostiene il premier Giuseppe Conte che sottolinea l’importanza primaria di un nuovo Piano per il Sud per il 2030.

Si tratta di un cambiamento necessario per raggiungere gli obiettivi su energia ed ambiente dettati dal Green Deal.

Tra le varie azioni previste c’è il Reddito Energetico per le famiglie.

UN AIUTO PER IL SUD ITALIA

Lo scopo del Reddito Energetico è incrementare la diffusione delle energie rinnovabili nel Sud con sistemi di generazione distribuita: piccoli impianti finalizzati all’autoconsumo.

Verrà creato un “Fondo Nazionale Reddito Energetico” per consentire alle fasce meno abbienti della popolazione del Sud Italia l’installazione di impianti fotovoltaici.

Il fondo è composto da due sezioni:

  1. Una dedicata ai contributi in conto capitale per la cessione di incentivi diretti all’acquisto degli impianti.
  2. L’altra comprende le garanzie a favore dei finanziamenti bancari finalizzati all’installazione dei sistemi fotovoltaici.

Con il decreto del Ministero verranno definiti:

  1. Le modalità operative
  2. I requisiti dei beneficiari
  3. Le modalità con le quali il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) gestirà l’evoluzione del meccanismo di scambio sul posto.Sud Italia Sciacca

IL CAMMINO E’ GIA’ INIZIATO, PROPRIO AL SUD

Il presente decreto è la prosecuzione di altre importanti manovre contro la povertà energetica come:

  • la norma sul Reddito Energetico approvato dalla Regione Puglia lo scorso luglio, che prevedeva lo stanziamento di 5.6 milioni di euro a fondo perduto da usare per installare impianti fotovoltaici, micro-eolici, sistemi di accumulo e solari termici in comodato d’uso sui tetti delle abitazioni indigenti o di condomini
  • Il progetto pilota di reddito energetico avviato a Porto Torres e basato sull’autoconsumo fotovoltaico.

Quindi le istituzioni, anche in Italia e non solo per il Sud, si stanno impegnando molto al fine di raggiungere gli obiettivi fissati per il 2030.

Ognuno di noi deve dare il suo contributo, come cittadini e come abitanti del mondo.

Non abbiamo scelta, e dobbiamo farlo nel modo migliore.
Noi possiamo aiutarti a scoprire come, continua a seguirci.
Iscriviti alla nostra Newsletter.