Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdf

Installare sistemi di accumulo per fotovoltaico in Veneto avrà un ulteriore spinta economica.

La Giunta regionale concederà un contributo straordinario pari a € 2 milioni a favore di soggetti privati per l’acquisto e l’installazione di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici.

La Legge Regionale numero 43 del 14 dicembre 2018, collegata alla Legge di Stabilità 2019, afferma espressamente che la “Regione del Veneto favorisce la realizzazione di iniziative a favore dell’uso razionale dell’energia, della riduzione dei consumi energetici e dello sviluppo sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili mediante la promozione dell’utilizzo dei sistemi di accumulo di energia elettrica … al fine di ampliare la diffusione dell’autoconsumo di energia rinnovabile”.

Veneto - Sistemi di accumulo

Quanto sopra riportato è molto importante e dovrebbe essere preso ad esempio dalle altre Regioni. E’ chiaro lo scopo di non voler unicamente creare un incentivo economico per le fonti rinnovabili a livello impiantistico. E’ fondamentale soprattutto creare una cultura e una sensibilità nei cittadini che vada al di là della pur importante installazione di un impianto fotovoltaico.

SISTEMI DI ACCUMULO DI QUALITA’ SIGNIFICA RISPARMIARE DI PIU’

Lo scopo è di rendere ogni famiglia un piccolo-grande Produttore di Energia pulita, perseguendo quotidianamente questo obiettivo attraverso una serie di comportamenti ed abitudini consolidati.

Sfruttare al massimo la produzione del proprio impianto fotovoltaico è uno di questi comportamenti. Si inizia cercando di massimizzare l’autoconsumo diretto dell’energia prodotta cercando di spostare i consumi più importanti durante le ore di produzione dell’impianto. Ora si vuol incentivare anche la possibilità di immagazzinare l’energia prodotta in eccesso per poi poterne godere durante le ore serali e notturne.

C’è un altro fattore di rilievo di questa disposizione normativa. Il contributo previsto dal bando non abbraccia solamente l’acquisto di sistemi di accumulo, ma anche le spese derivanti dall’installazione degli stessi storage.

Non è un aspetto secondario. In certi casi, per situazioni non standard di collocazione e di installazione, queste possono essere quasi altrettanto rilevanti del valore dell’accumulatore.

È bene ricordare che quando vengono indetti Bandi e Contributi economici, si vuol altresì spronare l’acquirente ad acquistare prodotti di qualità e che diano le più alte garanzie.

Ci sono in Italia realtà importanti che si occupano di energia a 360°, con la massima qualità in ogni fase e procedura: vi suggeriamo di affidarvi a queste.